8 avril 2015 | Le SPVM provoque un chaos à l’UQAM

GAPPA

AmiEs #GAPPA!

8 avril 2015. Le climat de répression politique à l’UQAM s’est encore aggravé alors que le rectorat a fait appel au SPVM pour aider les gardiens de sécurité à procéder à 22 arrestations [au moment de mettre sous presse]. Le SPVM a ensuite levé un cours pour y placer les gens arrêtés… pour avoir tenté de lever des cours.

https://youtu.be/ViEFO-Wq1DE

Les images telles que reprises par le Nouvel Observateur :

***

LesAlter Citoyens font le point avec Marcos Ancelovici sur la situation de répression à l’UQAM qui, malgré les mesures d’austérité en éducation, trouve toujours le moyen de dépenser un demi-million de dollars en «sécurité» privée.

https://youtu.be/85vEkwRMqpU

***

*

GAPPA regrette l’intrusion mercantile…

View original post 20 more words

Advertisements

Confermati obblighi di firma

stopsfratti romaest

Lo scorso martedì 10 marzo, di buon mattino, la Digos di Roma bussava alle porte di 5 compagni e compagne per notificare altrettante misure cautelari di obbligo di firma, tre volte a settimana. L’accusa mossa dal Pm e avallata dal Gip è di concorso in resistenza aggravata e lesioni.

Il provvedimento fa riferimento alla resistenza messa in campo nella giornata del 18 Settembre 2014 per impedire lo sfratto di Farouk e della sua famiglia a Centocelle, eseguito con l’impiego di decine di agenti in antisommossa e con l’utilizzo di gas lacrimogeni sparati fin dentro il cortile e la tromba delle scale della palazzina. Grazie a quella resistenza Farouk e la sua famiglia uscirono dalla loro casa sostenuti dalla solidarietà di numerosi amici e compagni e attraversarono il quartiere fino al municipio in corteo, pretendendo una soluzione abitativa. Dopo una prima sistemazione in un residence fuori Roma, grazie alla rete di…

View original post 635 more words

A Mario Salvi, ucciso da un agente della polizia penitenziaria

Polvere da sparo

7 Aprile 1976 __Via degli Specchi, Roma__

Mario Salvi viene ucciso con un colpo di pistola alla nuca, dopo aver lanciato alcune molotov contro un portone laterale del Ministero di Grazia e Giustizia, dall’agente carcerario in borghese Domenico Velluto.volantinomariosalvi-3 L’8 aprile, i Comitati Autonomi Operai di Roma, nel corso di una manifestazione di protesta, diffondono un documento sulla morte di Mario in cui, tra l’altro si legge : “L’agente Velluto con la pistola in pugno ha percorso centinaia di metri lungo le strade che portano a Campo de’ Fiori, alla ricerca di una vittima a cui sparare a freddo con tutta calma. Infatti quando ha sparato, nessuno stava scappando: il nostro compagno è stato freddato mentre camminava…”                           
Il 15 aprile 1976 l’agente Velluto viene arrestato per omicidio preterintenzionale. Il 7 luglio il tribunale lo assolve ” per aver fatto uso legittimo…

View original post 308 more words

Tatlin’s tower

This gallery contains 16 photos.

The Charnel-House Nico Israel has a book out that looks fairly interesting, Spirals: The Whirled Image in Twentieth Century Art and Literature. In it he discusses Wyndham Lewis’ vorticism, Vladimir Tatlin’s monument to the Third International, land Robert Smithson’s Spiral Jetty (among other things). He also relates a few famous lines by Lenin about the… Read more.

Le dinamiche senza limiti della guerriglia

LASPRO

Nel deserto globale da Lawrence a Clint
(da Pop-Corner su Laspro 31 – febbraio 2015. Per abbonarti a Laspro clicca qui)
di Duka

«L’assegnazione delle spedizioni non fu mai ortodossa. Era impossibile fondere o assemblare tribù diverse, perché di solito non andavano d’accordo o non si fidavano l’una dell’altra. Analogamente, non potevamo impiegare membri di una tribù nel territorio di un’altra. Di conseguenza, miravamo alla più ampia distribuzione delle forze, per disporre del maggior numero di bande contemporaneamente. Aggiungevamo fluidità ai loro movimenti agendo ogni giorno in una diversa porzione di territorio. Questo favoriva la naturale mobilità delle bande. In più, avevamo l’incomparabile vantaggio di disporre di forze sempre fresche nelle diverse aree tribali. Il massimo disordine era in senso stretto il nostro punto di equilibrio».
(Evoluzione di una rivolta di T. E. Lawrence)

T E LawrenceDopo gli attentati dell’11 settembre 2001 con l’inizio della global war on terror di

View original post 1,107 more words